30 Giugno 2022

Proseguono gli incontri con gli artisti del Festival dei Due Mondi 

Anche nel secondo week end il Festival dei Due Mondi presenta al pubblico i suoi protagonisti con gli incontri a Palazzo Racani Arroni tenuti dal giornalista e divulgatore Andrea Penna, voce celebre di Radio3.

 

Si inizia venerdì 1 luglio con il regista Davide Enia, tra i massimi esponenti del cosiddetto teatro di narrazione, a Spoleto65 con Italia-Brasile 3 a 2 Il ritorno la nuova versione del monologo che lo vide debuttare nel 2002. Una rievocazione, al contempo epica ed intima, di quella che più che una partita fu un vero e proprio atto identitario. L’incontro del 1 luglio prosegue con Carlo Boccadoro, direttore dell’ensemble Sentieri selvaggi impegnato nella rassegna di concerti American Portraits.

 

L’incontro di sabato 2 luglio vede intervenire il soprano Barbara Hannigan, protagonista di due appuntamenti del weekend: La Voix Humaine in Piazza Duomo con l’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia e Jumalattaret al Teatro romano accompagnata sul palco dal pianista Stephen Gosling.

A dialogare con Andrea Penna sono anche Mathieu Amalric – regista e attore francese vincitore per tre volte del Premio César, tra i protagonisti del nuovo film con Nanni Moretti – autore del documentario Zorn III incentrato sull’avventura delle prove per la creazione di Jumalattaret, proiettato in sala Sala Frau domenica 3 luglio alle ore 19.30 (ingresso gratuito).

Conclude l’incontro del 2 luglio Ayelen Parolin, coreografa argentina a Spoleto65 con WEG, dirompente e sperimentale azione coreografica, volutamente plurale e stravagante, che esplora la nozione di piacere, di melodia interiore che porta al movimento.

 

L’incontro di domenica 3 luglio ha come protagonisti Dianne Reeves diva indiscussa del jazz e unanimemente ritenuta discendente della grande Sarah Vaughan e Samuel Achache impegnato nel debutto, in prima assoluta, del suo nuovo spettacolo Sans tambour ispirato ad alcuni cicli di Lieder di Robert Schumann.

 

Gli incontri, così come altre iniziative promosse dal Festival dei Due Mondi, nascono con l’obiettivo di innescare una relazione fra il Festival e lo spettatore, considerato non più soltanto come fruitore passivo ma, al contrario, come soggetto attivo e ricettivo, consapevole di essere parte dell’esperienza teatrale.

L’ingresso agli incontri con gli artisti è gratuito fino ad esaurimento posti.

Per maggiori informazioni www.festivaldispoleto.com.