5 Gennaio 2022

Davide Enia

Davide Enia è nato a Palermo nel 1974. È un pluripremiato drammaturgo, interprete, regista e romanziere italiano.

Il suo ultimo spettacolo è L’abisso (2018), basato sul suo romanzo Appunti per un naufragio (2017).

Altri lavori includono le commedie Italia-Brasile 3-2 (2002), Scanna (2003), Maggio 1943 (2004), Capitoli d’infanzia (2007), e il radiodramma Rembò (2005). Oltre a Note su un naufragio, è autore del romanzo Sulla terra come in cielo (2012).

Nel 2021 ottiene il Premio Maschere del Teatro Italiano per il “Miglior nuovo spettacolo italiano” per Maggio 1943. Nel 2019 vince il Premio UBU per “Miglior nuovo spettacolo italiano”, il Premio Maschere del Teatro Italiano per “Miglior monologo” per L’abisso, il Premio Hystrio come “Miglior spettacolo” per L’abisso. Nel 2018 scrive, dirige e interpreta in The Abyss che viene coprodotto dal Teatro di Roma – Teatro Nazionale, dal Teatro Biondo di Palermo e da Accademia Perduta/Romagna Teatri. Nel 2017 dirige l’opera incompiuta di Mozart L’oca del Cairo al Teatro Massimo di Palermo e pubblica Appunti per un naufragio. Vince il Premio Letterario Internazionale Mondello, il Premio Mondello Giovani e il Premio SuperMondello per Appunti per un naufragio. Nel 2016 l’edizione francese di Sulla terra come in cielo (Sur cette terre comme au ciel), vince il Prix du Premier Roman Etranger e il Prix Brignoles per il miglior romanzo straniero.

Nel 2014 pubblica il romanzo breve Uomini e pecore (EDT). Nel 2012 pubblica il suo primo romanzo, Così in Terra che viene tradotto in 18 lingue e pubblicato in tutto il mondo. Nel 2009 vince il Premio Speciale della Giuria ai Premi Riccione per il Teatro con Il cuoco. Nel 2007 scrive, dirige e interpreta I capitoli dell’infanzia. Nel 2006 vince il Premio Vittorio Mezzogiorno per il suo lavoro teatrale e il Premio Gassman come miglior talento emergente. Nel 2005 vince il Premio Hystrio e il Premio ETI come miglior drammaturgo, oltre che il Premio Internazionale Moldavo Teatrul Unui per il “Miglior Attore” per il Maggio 1943. Sempre nel 2005, scrive e interpreta il radiodramma Rembò, per RaiRadio2. Nel 2003 vince un premio UBU come nuovo narratore e il Premio Tondelli ai Premi Riccione per Scanna, che debutta con la sua regia alla Biennale di Venezia 2004. Sempre nel 2003 scrive, dirige e interpreta Maggio 1943. Nel 2002 scrive, dirige e interpreta Italia-Brasile 3 a 2.