IL PREMIO OSCAR MARION COTILLARD
IN ’JEANNE D’ARC AU BŪCHER’

oratorio drammatico in 11 scene e un prologo

musica Arthur Honegger
testo poetico di Paul Claudel

direttore Jérémie Rhorer

maestro del coro Ciro Visco

regia Benoīt Jacquot

Jeanne d’Arc Marion Cotillard
Frère Dominique Georges Gay
La Vierge Kiandra Howarth
Marguerite Benedetta Torre
Catherine Martina Belli
Porcus, Heraut, Le Clerc Christopher Lemmings
Une voix, Heraut II, Paysan Zachary Clayton Altman
Une voix d’enfant Alice Gasparollo
La mere aux tonneaux Francesca de Martini
Heraut III, l’āne, Bedford, Jean de Luxembourg, Heurtebise, un paysan Michele Ragno
L’appariteur, Regnault de Chartres, Guillaume de Flavy, Perrot, un prźtre, un autre paysan Carmine Fabbricatore

Orchestra Giovanile Italiana
Coro e Coro Voci Bianche dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma

Onde Martenot Jacques Tchamkerten

disegno luci Fiammetta Baldiserri
costumi Marta Rinaldi

produzione Spoleto61 Festival dei 2Mondi

Il premio Oscar Marion Cotillard, per la prima volta al Festival di Spoleto, assieme a BenoĪt Jacquot, uno dei più raffinati autori della cinematografia francese.
Scritto dal compositore svizzero Arthur Honegger nel 1938, Jeanne d’Arc au Būcher è un affascinante affresco musicale. Il libretto di Paul Claudel è costruito come un flashback, in cui Giovanna ripensa alla sua vita poco prima di morire. Gli ultimi istanti di vita della martire, illustrati dalla musica evocativa ed innovativa di Honegger, risuonano come un urlo straziante.