ULTIME TAPPE 2018
A MILANO E PAVIA
PER LA TOURNÉE DI
DANZA MACABRA

Si conclude la tournée 2018 di Danza Macabra di August Strindberg con Adriana Asti, Giorgio Ferrara e Giovanni Crippa a Milano - dal 2 all’11 marzo 2018 al Teatro Elfo Puccini - e a Pavia - dal 13 al 15 marzo 2018 al Teatro Fraschini.

Dopo aver debuttato, con la magistrale regia di Luca Ronconi, al 57° Festival dei Due Mondi, Danza macabra è già andato in scena in due tournée nazionali nei principali teatri italiani nelle stagioni 2014/2015 (Teatro Metastasio di Prato, Teatro Lauro Rossi di Macerata, Teatro Signorelli di Cortona (AR), Teatro Guglielmi di Massa) e 2016/2017 (Teatro Bonci di Cesena, Teatro Sociale di Brescia, Teatro Coccia di Novara, Teatro Verdi di Padova, Teatro Quirino di Roma) e in una tournée internazionale, nel 2017, all’Athenée Théātre Louis-Jouvet di Parigi e al Teatro Accademico Statale Evgenij Vakhtangov di Mosca.

Per maggiori informazioni e per acquistare i biglietti
per le date di Milano al Teatro Elfo Puccini clicca QUI
per le date di Pavia al Teatro Fraschini clicca QUI

DANZA MACABRA

di August Strindberg
traduzione e adattamento Roberto Alonge
regia Luca Ronconi
scenografia Marco Rossi
costumi Maurizio Galante
con Adriana Asti, Giorgio Ferrara, Giovanni Crippa
luci A. J. Weissbard
suono Hubert Westkemper
produzione Teatro Metastasio di Prato, Spoleto57 Festival dei 2Mondi
con la collaborazione di Mittelfest 2014

Danza macabra di Strindberg è un testo illustre, interpretato da sempre dalla critica come un exemplum della vita coniugale vissuta quale inferno domestico, in cui si confrontano e si scontrano, da un lato, la natura satanica della moglie, Alice, e, dall’altro lato, il carattere vampiresco del marito, il Capitano, che cerca di succhiare la vita del secondo uomo, Kurt, psicologicamente fragile e remissivo.
In realtà si tratta di un’interpretazione di maniera, depistata dalla forte sensibilità misogina dell’autore svedese. Una lettura più attenta del dramma consente invece di prendere atto che, più semplicemente, siamo di fronte all’inferno domestico di una coppia per niente infernale. La vicenda inizia e finisce su toni e timbri di misurata cordialità coniugale. È solo con l’arrivo del terzo, di Kurt, che cominciano le tensioni. Il Capitano e Alice sono come una coppia di attori, tranquilli quando non c’è pubblico, e subito eccitati dalla presenza di uno spettatore. L’arrivo di Kurt è l’occasione perché entrambi i coniugi si animino e si esibiscano, calandosi ciascuno di essi nel proprio personaggio: il vampiro per il Capitano, e la femmina diabolica per Alice, che seduce il timido Kurt. La fuga finale di Kurt riporta la coppia al punto di partenza, alla calma routine esistenziale.
Per Ronconi siamo cioè di fronte alla rappresentazione di una storia infernale ma risibile, che fa pensare curiosamente al vaudeville di Courteline, Les Boulingrin, andato in scena nel 1898, pochi anni prima della stesura di Danza macabra (1900), in cui i coniugi Boulingrin si scatenano all’arrivo di un ospite in visita, su cui proiettano farsescamente le tensioni della coppia borghese.
Roberto Alonge